COME ME NE OCCUPO

Silvia Masserini - Psicologa Psicoterapeuta Milano

Strumenti


 
 
 
 
 

VIDEO TERAPIA (VIT)

Silvia Masserini - Psicologa Psicoterapeuta Milano

UNO STRUMENTO PER I PROBLEMI RELAZIONALI E I PROBLEMI DI COMUNICAZIONE: LA VIDEO TERAPIA
La video terapia, sinteticamente detta V.I.T., è una tecnica di intervento psicologico che si usa per i problemi relazionali e i problemi di comunicazione tra genitori e figli, tra partner, tra fratelli. Produce rapidi miglioramenti sul piano relazionale e comunicativo. Lo strumento di questa tecnica è il video, fatto autonomamente a casa propria, nel proprio contesto di vita. VIT sta per Video InterventionTherapy.

Nella video terapia l’attenzione non è sulla persona singola ma sull’interazione tra persone. La video terapia può essere usata benissimo laddove non è presente alcun disturbo psichico ma solo un “malessere relazionale”. Infatti l’oggetto della VIT non è la psicopatologia del singolo ma le micro comunicazioni verbali e non verbali che circolano TRA le persone.
Guardando insieme a me il video puoi scoprire qualcosa sul tono della tua voce, o sul tuo sguardo. Puoi mostrare all’altro cosa ti infastidisce di lui, per esempio perché quel gesto in particolare ti ricorda qualcosa che faceva tuo padre e ti disturba. Ma puoi fare questo senza giudizio, senza colpevolizzare, solo spiegando alla persona che hai davanti qual è il problema. O puoi capire cosa ti fa scattare con tuo figlio, che ti fa nascere una rabbia di cui poi tu per primo sei dispiaciuto.

La video terapia ti permetterà anche di renderti conto di quali sono le dinamiche che funzionano meglio con gli altri e quali quelle che invece producono conflitto o distanza. Con la V.I.T. vedrai più facilmente cosa metti tu e cosa mette l’altro in quella relazione. La video terapia è una speciale forma di introspezione. Le persone di solito la apprezzano molto, sono grate per questo lavoro. Attraverso questa video terapia, la Video Intervention Therapy, avrai una prospettiva più globale e insieme più specifica sulle tue relazioni.
Vedrai le competenze relazionali e comunicative di ciascuno (anche quelle dei bambini!), le capacità già presenti da consolidare e far crescere ed eventualmente anche le abilità che hanno bisogno di essere sviluppate. Riconoscerai le dinamiche che fanno sì che quella interazione specifica sia positiva o negativa, soddisfacente o no. Facciamo un esempio. Lucia e Marco sono a tavola: Lucia dice o fa qualcosa che per Marco è provocatorio. Cosa può succedere dopo?

Magari provoca a sua volta, alzando il tiro. Allora Lucia risponde provocando di più, il che produce un ulteriore innalzamento della rabbia di Marco e così via, fino a quando il conflitto è aperto e ingestibile.

Lucia provoca, Marco si innervosisce, si ammutolisce, poi dice qualcosa del tipo: “Non è giusto, non si fa così”, Lucia si sente in colpa. Non arrivano al conflitto aperto in questo caso, ma tra i due si è creata distanza.

Alla provocazione di Lucia Marco risponde con una battuta e usa l’ironia per smorzare il nervosismo. La tensione scende immediatamente e Marco e Lucia parlano d’altro.

Moltissimi sono gli scenari possibili: ogni famiglia è un microcosmo in cui le interazioni sono costituite da sottilissime dinamiche relazionali che poi creano gli scambi di comunicazione tipici per quella famiglia. Con la video terapia queste dinamiche diventano molto più chiare. Una volta visto il video insieme rifletteremo su come introdurre cambiamenti. In effetti a volte può essere difficile trovare il modo di cambiare pur vedendo il problema. In quel caso io ti potrò dare suggerimenti di qualche tipo, trovare qualcosa, insieme a te, che possa aiutare a modificare le cose. La video terapia si caratterizza infatti anche per la sua praticità. La psicoeducazione è parte integrante dell’esperienza della Video Intervention Therapy. Ovviamente i video sono rigorosamente protetti dal segreto professionale e possono essere da me visionati solo previo consenso di tutti i protagonisti del video.

QUANDO SI PUÒ USARE LA VIDEO TERAPIA?
La video terapia si può usare come strumento terapeutico in caso di conflittualità, gelosia, disturbi comportamentali che stanno causando crisi di coppia, problemi relazionali e problemi di comunicazione con i propri figli, col partner, tra fratelli.

Come strumento di sostegno psicologico per accompagnare le madri adolescenti, le famiglie monogenitoriali o le famiglie durante il percorso dell’affido/adozione, qualora sentano il bisogno di capire meglio cosa sta succedendo e come gestire eventuali difficoltà.

Come strumento di prevenzione e formazione/supervisione nei contesti scolastici o educativi per affrontare una situazione di difficoltà specifica (per esempio una difficoltà con un certo bambino all’interno di una classe), per migliorare la comunicazione e le relazioni tra colleghi o con gli utenti di un servizio.

Per problemi relazionali e problemi di comunicazione coi figli, bambini e adolescenti.
Io stessa ho due figlie e so che i problemi di comunicazione e i problemi relazionali con i bambini e gli adolescenti possono crearsi in qualunque momento. A volte sono passeggeri e così come si sono sviluppati si risolvono, altre volte permangono e creano sempre più tensione. Usando la video terapia affiancati da me come terapeuta i genitori possono vedere ciò che accade tra di loro, tra loro e i loro figli, tra i bambini stessi, in modo più chiaro.
Nella quotidianità dell’interazione con i bambini e gli adolescenti le difficoltà da gestire, piccole o grandi, sono molteplici. Figli che non collaborano in casa, che non fanno i compiti, che non mangiano o non vogliono dormire, fratelli che litigano e altre mille possibilità. Spesso per risolvere questi problemi il primo passo è cambiare il modo di comunicare.
L’uso della video terapia permette di identificare e risolvere i problemi di comunicazione e i problemi relazionali che si hanno coi propri figli. Sceglieremo insieme i momenti in cui fare questo video, per esempio mentre giocate, mentre fate i compiti insieme. Oppure mentre mangiate o discutete di qualcosa. Sarà così sempre più chiaro quali sono i nodi nell’interazione e questo ci permetterà di mettere in atto strategie per risolvere i vostri problemi relazionali e i problemi di comunicazione.

Per problemi relazionali e problemi di comunicazione col partner.
Potresti venire da me per una crisi di coppia, un problema relazionale o un problema di comunicazione con la tua compagna o il tuo compagno. Potrebbe essere una crisi recente o che dura da molto tempo. Potresti venire da solo oppure col tuo partner, a seconda della sua disponibilità. In entrambi i casi potremmo usare la Video Intervention Therapy per osservare le vostre interazioni, magari in un momento della giornata o mentre discutete di qualcosa. Vedremo quali cose funzionano e cosa puoi fare per migliorare la situazione e risolvere i problemi relazionali e i problemi di comunicazione che ti hanno portato da me.

Ben presto ti accorgerai della potenza che ha la video terapia,quando potremo dare insieme un nuovo significato a quello che accade. La video terapia si può usare anche per gli adulti che hanno difficoltà relazionali coi propri genitori ormai radicate. In questo caso le persone a volte pensano che se hanno problemi relazionali o problemi di comunicazione coi propri genitori è perché: “Ormai le cose stanno così da troppo tempo, la nostra relazione ormai è così, è impossibile cambiare”.

Le storie delle famiglie sono complesse, a volte costellate di traumi, di disturbi psichici, di segreti. In qualche modo si cresce e si trova un equilibrio, ma si rimane insoddisfatti della relazione e della comunicazione problematica coi propri genitori. Crescendo si spera che le cose migliorino ma ci si trova sempre più lontani e incapaci di comunicare. Se questo è il tuo caso un percorso integrato dall’uso della video terapia ti aiuterà. Osservando i tuoi modi tipici di comunicazione potrai diventare sempre più consapevole delle dinamiche in atto coi tuoi genitori e modificarle.

COSA SI FA PRATICAMENTE?
Una volta avute le autorizzazioni di tutti coloro che saranno ripresi nel video (o dei genitori in caso di minori) ti chiederò di filmare un momento a casa, facendo un video di una decina di minuti. La volta successiva mi consegnerai il video, io durante la settimana lo guarderò da sola e poi quando ci vedremo lo riguarderemo insieme e ne parleremo. Cosa vedi tu? Cosa noto io? Cosa funziona? Cosa si può migliorare? Che cosa vorresti cambiare? Queste saranno le nostre domande, che ci guideranno nel lavoro col video.

LA PERPLESSITÀ DEI PAZIENTI
“Ma davanti a una telecamera nessuno si comporta normalmente!”
La più frequente obiezione delle persone è che se so di essere videoregistrato posso mentire. Magari tu vieni da me perché hai un problema con tuo marito ma pensi che il video non servirà a nulla perché tanto lui, nel video, non si comporterà come al solito, dirà e farà solo cose che lo mettono in buona luce. Il punto è che però quello che mi interessa quando guardo un video non è qualcosa che si può controllare. So già che, per esempio, difficilmente vedrò abusi e violenze in un video. Ma non mi importa questo, perché le dinamiche tipiche emergeranno comunque. Gli sguardi, i toni, l’uso dello spazio, le micro espressioni, i discorsi, le atmosfere le potremo vedere comunque.
Inoltre sarà molto importante per noi vedere quello che succede anche in senso positivo. Va bene, non c’è problema se anche in parte “si contiene”. Il mio scopo non è accusare qualcuno per stabilire chi ha ragione e chi torto: il mio scopo è aiutarti a vivere meglio. Poi noterai tu stesso che se è vero che nei primi video sarai attento e un po’ controllato per la presenza della telecamera, dopo un po’ ti abituerai e non la noterai quasi più.
Il video all’inizio può mettere un po’ a disagio ma poi vedrai che sarai molto contento di farlo, perché andremo a lavorare soprattutto sulle risorse, su ciò che funziona, per renderlo più forte e frequente e risolvere i problemi relazionali e i problemi di comunicazione da cui siamo partiti.

“Ma io ho molti problemi, non solo difficoltà relazionali o di comunicazione”
Il lavoro col video permette di andare molto in profondità, esattamente come il colloquio senza video. Inoltre la video terapia è solo una parte della terapia. Io tengo molto alla possibilità di integrazione. Non dobbiamo essere chiusi, dobbiamo usare tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione se ci possono servire. All’interno della nostra relazione e dei nostri colloqui decideremo se inserire parti di lavoro con il video, con l’EMDR, con mindfulness, ben consapevoli che si integrano benissimo uno con l’altro.

Contatta la psicologa Milano | 329.23.60.706 | email: smasserini@gmail.com
Contattami per una consulenza nel mio studio di Milano
IL PRIMO INCONTRO È GRATUITO