DI COSA MI OCCUPO

 

SERVIZIO DI PSICOTERAPIA

Silvia Masserini - Psicologa Psicoterapeuta Milano

Nel mio studio privato sito a Milano in via Canonica (zona Arena/Sempione/Sarpi) offro servizi di psicoterapia dedicati a: adulti, adolescenti, coppie.
La psicoterapia è un lavoro profondo orientato a determinare un cambiamento e trovare un nuovo equilibrio. È il percorso più indicato se senti un malessere che ti fa molto soffrire, se senti che l’equilibrio che avevi non regge più, se devi affrontare una situazione più grande di te, se sei molto triste o insoddisfatto, o molto arrabbiato o molto spaventato. La psicoterapia è una forma di aiuto che prevede la conoscenza dei disturbi psicologici e l’uso di tecniche per la loro risoluzione.

A questo scopo per diventare psicoterapeuta dopo la laurea, l’esame di Stato e l’iscrizione all’Ordine degli Psicologi è prevista una scuola di specializzazione in psicoterapia in cui vengono approfonditi questi argomenti. Inoltre la maggior parte delle scuole di specializzazione richiede anche che gli allievi facciano un’analisi personale, cioè un percorso psicoterapeutico, che per la mia esperienza è il cuore della formazione professionale e umana. Così come i medici dopo la laurea in medicina fanno altri 4 anni di specializzazione (in dermatologia, cardiologia, psichiatria, endocrinologia ecc), così fanno gli psicoterapeuti. Dopo la laurea in Psicologia io mi sono iscritta alla SGAI di Milano, che è proprio una scuola di specializzazione in psicoterapia che dura 4 anni.

LA PSICOTERAPIA INDIVIDUALE PER ADULTI E ADOLESCENTI

Silvia Masserini - Psicologa Psicoterapeuta Milano

La psicoterapia è un percorso di guarigione, che mette in moto il tuo sistema innato di autocura. La psicoterapia attiva e accompagna il tuo sistema per guarire, che tu porti un disturbo d’ansia, una depressione, una dipendenza da sostanze o affettiva, o altro. Tu hai dentro tutte le informazioni e le risorse necessarie per stare bene, insieme le faremo emergere e le rinforzeremo. Andare in terapia significa anche cominciare un percorso di conoscenza di sé e delle proprie dinamiche. Significa essere curiosi e interessati a se stessi. Il linguaggio con cui abbiamo continuamente a che fare, che io non amo, è purtroppo un linguaggio medico. Parliamo di disturbi, di sintomi, di guarigione, di sindrome e di malattia. Ma se potessimo liberarci di questo linguaggio risulterebbe molto più chiara la centralità delle persone nella loro globalità, nella loro complessità e unicità.

Al di là del problema che ti spinge a venire da me la psicoterapia è il posto del riconoscimento e quindi della “cura”: io mi prendo cura di te, tu ti prendi cura di te. Una cura intima, relazionale, accogliente e delicata. Conosco moltissime persone che, pur sentendo un malessere, non chiedono aiuto. Questo è naturale, perché siamo tutti abitati da molte voci discordanti. Una di queste vorrà chiamare lo psicologo, una sarà preoccupata per la spesa, una si opporrà per non cambiare, un’altra penserà che basta un po’ di buona volontà, un’altra ancora che la tua situazione è diversa e non c’è soluzione e così via. Rimandare il momento in cui chiedere aiuto allo psicologo, di solito, non fa che peggiorare la situazione. Sono ormai innumerevoli gli studi sulla correlazione tra disturbi psichici come stress (dovuto anche a separazioni, divorzi o traumi), ansia, depressione eccetera e scarsi risultati scolastici o lavorativi; più si trascina il malessere senza curarlo e peggio si va o scuola o peggio si funziona al lavoro. Si innesca così una spirale negativa. Se stai pensando di cominciare una psicoterapia significa che stai scegliendo di affrontare i tuoi problemi per guarire.

Se sei un adolescente entrambi i tuoi genitori dovranno dare la loro autorizzazione alla psicoterapia. I tuoi genitori inoltre dovranno essere informati, almeno a grandi linee, di come va il tuo percorso. Vedrò prima i tuoi genitori, una o più volte. Parleremo di qual è il problema dal loro punto di vista, quali sono i loro obiettivi e concorderemo delle scadenze in cui io e loro ci sentiremo/vedremo per informarli sull’andamento del nostro lavoro. A seconda della situazione e della tua età potremo decidere se tu sarai o meno presente agli incontri periodici con i tuoi genitori. Potresti venire da me perché costretto dai tuoi e non avere nessuna voglia di parlare con me. Oppure avere un mondo dentro che ti va di condividere, se normalmente non ti senti capito. In ogni caso se i tuoi genitori ti hanno portato da me l’hanno fatto perché sono preoccupati e forse si sentono impotenti. Faremo in modo che tu stia bene all’interno di questa relazione.

LA PSICOTERAPIA DI COPPIA

Silvia Masserini - Psicologa Psicoterapeuta Milano

Lo scopo della psicoterapia di coppia non è tanto il cambiamento dei singoli quanto del sistema in generale.
Di solito nelle coppie uno dei due è più convinto dell’altro di intraprendere una psicoterapia.
Mi preme sottolineare che, in ogni caso, venendo entrambi state già dicendo l’uno all’altra: “Io ci tengo a te, voglio prendermi cura di questa cosa”. E questo è un ottimo punto di partenza. Ci conosceremo, valuteremo insieme qual è il problema e quali sono gli obiettivi che avete, poi decideremo se fare tutto il percorso in coppia o dedicare anche dei momenti separati, in cui affrontare singolarmente alcune questioni. Non possiamo prevedere quale sarà la vostra strada, la definiremo passo passo.

SERVIZIO DI SOSTEGNO PSICOLOGICO

Silvia Masserini - Psicologa Psicoterapeuta Milano

Nel mio studio privato sito a Milano in via Canonica (zona Arena/Sempione/Chinatown) offro servizi di sostegno psicologico dedicati ai genitori.

Il sostegno psicologico è una forma di aiuto che ha come scopo supportare la persona e accompagnarla in una fase particolare della sua vita, caratterizzata il più delle volte da un problema specifico ed esterno a sé. Non prevede l’uso di tecniche psicoterapeutiche, ma può essere svolto da uno psicoterapeuta, oltre che da uno psicologo regolarmente iscritto all’Ordine.

ATTIVITÀ DI CONSULENZA AI GENITORI, SVOLTA NEL MIO STUDIO PRIVATO DI MILANO.

La consulenza è un momento limitato nel tempo, di solito pochi colloqui, in cui affronteremo un problema specifico, legato principalmente a un passaggio fisiologico del ciclo di vita, che ha trovato qualche intoppo.

La consulenza è la strada migliore quando il problema è ancora da definire (mio figlio sta così: lo mando in terapia o no?) o quando ci sono delle difficoltà circoscritte a una questione o a un periodo particolare, per cui può essere sufficiente dare alcune indicazioni e spiegazioni ai genitori sul funzionamento e sullo sviluppo fisiologico del bambino o dell’adolescente. Gli scopi principali sono due:

Orientare i genitori che riconoscono un disturbo o un malessere psichico nel proprio figlio e che vogliono capire se devono preoccuparsi e cosa fare. Attraverso uno o più colloqui mi spiegherete la situazione di vostro figlio e decideremo se è il caso di cominciare una terapia di qualche tipo ed eventualmente con quale professionista (psicoterapeuta, logopedista, neuropsichiatra ecc…). È perfettamente naturale sentire il bisogno di essere sostenuti quando i propri figli stanno male; soprattutto, è molto saggio chiedere aiuto in caso di necessità.

La psicoeducazione. Fare psicoeducazione significa spiegare alle persone le ragioni generali di alcuni comportamenti, cominciare a dare un senso a quei comportamenti. Per esempio: “Perché mio figlio ha questo tic?” “Per regolare le sue emozioni”. Fare psicoeducazione significaanche dare suggerimenti concreti su come fare in una certa situazione o davanti a un certo comportamento. Per esempio nel periodo dello svezzamento magari il genitore può avere bisogno di capire come organizzare al meglio il momento del pasto; oppure in caso di nascita di un fratellino il genitore può venire a chiedere delle indicazioni su come gestire la gelosia del primogenito; in caso di separazione o divorzio i genitori possono volere suggerimenti per poter comunicare coi figli e così via.

ATTIVITÀ DI SOSTEGNO ALLA DIADE GENITORE-FIGLIO, SVOLTA NEL MIO STUDIO PRIVATO DI MILANO.

Questo è lo spazio in cui genitori e adolescenti, mediati da me, possono parlarsi, comunicare in modo diverso dal solito. I miei rimandi sono rivolti sia alla mamma o al papà che ai figli. Infatti voglio che entrambe le parti vedano cosa mettono in atto e voglio che si parlino cercando di capirsi, al di là dei soliti schemi comunicativi in cui io dò la colpa a te e tu la dai a me. In questo spazio intermedio si provano a capire le ragioni dei comportamenti o delle parole dell’altro. Qui il focus è sull’interazione tra la mamma o il papà e il figlio o la figlia.
Questo spazio è dedicato ai genitori con figli preadolescenti o adolescenti, alle prese con i problemi di comunicazione.

GRUPPI DI SOSTEGNO PER GENITORI, A MILANO E HINTERLAND.

I gruppi di sostegno per genitori sono momenti organizzati sul territorio di Milano e hinterland all’interno di servizi educativi e associazioni in cui i genitori si incontrano in gruppi da me condotti su un tema specifico.

Si trattano i temi della crescita e dello sviluppo dei bambini, come la nanna, le separazioni, la gelosia tra fratelli e così via. Oppure i temi della famiglia come sistema che nasce, cresce e si modifica con i suoi componenti, quindi il tema degli equilibri di coppia dopo la nascita di un figlio, o della gestione dei comportamenti problematici dei bambini dopo la separazione dei genitori.

In gruppo i genitori si incontrano e condividono le loro esperienze, si confrontano tra di loro e con me. Nella riflessione in comune, con le nuove informazioni apprese dalla psicoeducazione che non può mai mancare, i genitori trovano poi nuove soluzioni o nuove prospettive sul tema di cui abbiamo discusso insieme.

Contatta la psicologa Milano | 346.86.70.004 | email: smasserini@gmail.com
Contattami per una consulenza nel mio studio di Milano
IL PRIMO INCONTRO È GRATUITO